Home Patente nautica Il punto stimato

Il punto stimato

by Vela Pratica

Conoscendo la Rotta bussola, che poi correggeremo in Rotta vera Rv per riportarla sulla carta nautica, possiamo individuare, seppur con approssimazione, l’area in cui stiamo navigando. Per un calcolo del punto stimato, però, devono essere noti anche il tempo (ossia le ore trascorse dal momento della partenza) e la velocità.
Quindi, tracciata la Rotta Vera (Rv=303°) sulla carta nautica, misurato il tempo intercorso (h), e nota la velocità della barca (6 nodi), possiamo calcolare la distanza con la formula D = V x Tm/60 dove V è la velocità e Tm è il tempo in minuti.
Se, ad esempio, partiamo alle 8 e navighiamo alla velocità di 6 nodi, dopo un’ora avremo percorso 6 miglia (6×60/60). Quindi, dopo aver calcolato la distanza in miglia, possiamo aprire il compasso sulla rotta vera e segnare il nostro punto stimato.

Punto stimato Carteggio nautico patenti

1 comment

Patente nautica: elementi e strumenti della navigazione stimata | Vela Pratica 3 Maggio 2014 - 15:47

[…] Elementi e strumenti della navigazione stimata Per determinare la posizione della barca in qualsiasi momento devono essere note la posizione di partenza, la direzione del percorso tenuta da tale posizione e la lunghezza del percorso. Quindi, per condurre la navigazione stimata è necessario disporre, oltre che della carta nautica, di una bussola, di un orologio e di uno strumento che misuri la velocità (tachimetro o solcometro). Per imparare a calcolare il punto stimato potete collegarvi al post “Punto stimato”. […]

Reply

Leave a Comment

In questo sito utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione degli utenti. Clicca ok per continuare oppure visualizza maggiori informazioni Ok Maggiori informazioni

Privacy & Cookies Policy