Tropea: Eolo si fa attendere, poi regala emozioni

Riparte alla grande con l’appoggio e il sostegno del Porto di Tropea rappresentato dall’Amministratore delegato Aristide Di Salvo e tutto lo staff, il Campionato invernale di vela d’altura del Circolo Velico Santa Venere in una giornata primaverile, condizioni perfette di vento forte e poca onda per le barche in regata.

DrakeIl Comitato di regata non si è lasciato scoraggiare dalla bonaccia di fronte al Porto di Tropea e ha puntato deciso a sud, infatti tra Formicoli e Capo Vaticano, è stato possibile mettere giù le boe e dare la partenza a mezzogiorno circa. Alla boa di bolina tripletta dei padroni di casa, nell’ordine: Drake di Marco Aiello (foto a sinistra e in basso), Damanhur di Adriano Monteleone e Free in the Wind di Rodolfo Balestrieri. La poppa ha visto diversi numeri di barche con gennaker e spinnaker per il vento sostenuto, tanto che saggiamente molte imbarcazioni hanno desistito dall’issare queste vele per evitare danni. Chiaramente chi ha osato è andato molto più veloce e così le sorti della regata sono state determinate dalla bravura degli equipaggi. Quindi vittoria in tempo reale e compensato per Damanhur e gran rimonta di Ariel di Sandro Fabiano e di Tamata di Alfonso Coscarella, del Centro velico Lampetia. Anche il quarto posto è cetrarese con Eta Beta di Pierre Pommois, poi Splash di Michele Albanese, Cristiana di Carlo San Severino e tutti gli altri.
A fare la differenza, in uno sport come la vela, oltre alle capacità tecniche, spesso sono i materiali, bisogna avere vele per ogni condizione e non tutti sono attrezzati. Certo che in questa regata il vento forte improvviso ha colto tutti impreparati.
Il campionato invernale ha messo a segno un’altra bella prova, la quarta di 11 previste e la prima della seconda manche, quella che serve a rodare equipaggi un po’ arrugginiti e barche troppo ferme per la sosta invernale. Per dirla in gergo cinematografico, quindi buona la prima!!!
Prossimo appuntamento con il Campionato Invernale d’altura del CVSV il 15 marzo.

tropea